IN GRAVIDANZA SI POSSONO PRENDERE GLI INTEGRATORI ALIMENTARI?

IN GRAVIDANZA SI POSSONO PRENDERE GLI INTEGRATORI ALIMENTARI?

Prima di pensare a prendere eventualmente degli integratori alimentari, la futura mamma dovrebbe pensare ad avere un’alimentazione sana ed equilibrata, così come dovrebbe adottare un’ igiene di vita corretta (riposo, stare all’aria aperta, DORMIRE, niente tabacco).

Alimentazione sana :  E’ fondamentale evitare gli alimenti « pericolosi » per la mamma e per  il feto :  Alcool, cafè, carni rosse, salumi, zuccheri in ogni loro forma e sostituirli con il fruttosio bio, eliminare tutti i zuccheri di sintesi tipo aspartame, evitare il pesce come il tonno, il pesce spada, le sardine e quelli d’allevamento lagunare che concentrano i metalli pesanti (mercurio). Evitare il burro, le margarine, l’olio di palma e preferire l’olio d’oliva extravergine di qualità. Anche se l’agricoltura bio non è spesso l’ideale, in generale, è sempre di qualità superiore a quello che la popolazione trova nella grande distribuzione.

Sfortunatamente, l’alimentazione non fornisce più alcuni elementi nutrizionali il cui ruolo è fondamentale durante la gravidanza. Gli studi epidemiologici dimostrano che l’insieme della popolazione presenta delle carenze in certe vitamine o minerali (più dell’ 80%).

Prendere quotidianamente un integratore prenatale di vitamine e di minerali è consigliata alle donne incinte, ma non deve essere sistematico. Deve essere dosato caso per caso e in funzione dei bisogni. Questo significa che ogni 2 mesi sono necessarie  le analisi del sangue, questo consentirà di tenere sotto controllo le eventuali carenze durante i 9 mesi della gravidanza.

Importante :  al contrario di quanto pretendono alcuni ricercatori, gli integratori alimentari sintetici sono diversi da quelli naturali. Sono molto meno efficaci, possono essere tossici per il feto. Inoltre, le formule multivitaminiche sono inutili perchè il dosaggio è troppo basso e per di più sintetico. Pertanto, verificate la qualità degli integratori alimentari.

Prendere quotidianamente un integratore prenatale di vitamine e di minerali è consigliata alle donne incinte in queste condizioni.

Vitamine e minerali da tenere sotto controllo e da prendere in caso di carenza.

La vitamina B9 (folati o acido folico)

Il fabbisogno di vitamina B9 aumenta del  30 % (circa 400 microgrammi al giorno). I folati sono indispensabili in dosi sufficienti durante i primi tre mesi. Una carenza degli stessi può avere gravi conseguenze sul bebè : un’anomalia della chiusura neurale con effetti neurologici  gravi, ma anche un ritardo nella crescita. Anche se è stato accertato che un’ integrazione sistematica non è spesso consigliata nei nostri paesi, essa è però più che giustificata. Ricerche effettuate da diversi gruppi internazionali sono unanimi nell’affermare che un aumento dell’assunzione  di acido folico (vitamina B9) qualche mese prima del concepimento e durante il primo trimestre della gravidanza protegge da alcune malformazioni (spina-bifida, labbro leporino, malformazioni cardiache) e aborti spontanei. Infatti, l’acido folico, interviene nella chiusura del tubo neurale dell’embrione, futuro midollo spinale. Potrebbe anche diminuire il rischio di alcuni tumori nel periodo dell’infanzia (neuroblastoma) e anche, secondo ricerche ancora preliminari, quello della trisomia 21.

La vitamina D

Il fabbisogno in vitamina D raddoppia durante la gravidanza. Questa vitamina interviene nella mineralizzazione ossea. E’ lei che consente di sintetizzare il calcio. Deve essere naturale, ma di origine animale. Dose minima 800 U.I. per via sublinguale. Le iniezioni sono inefficaci.

Il ferro

Il fabbisogno in ferro è due volte più importante durante i primi sei mesi della gravidanza per far fronte all’aumento di massa sanguigna della madre e del feto. Attenzione, se una carenza in ferro ha poca incidenza sul  bebè sarà la madre a soffrirne : una grande stanchezza, una certa irritabilità, problemi di concentrazione ed un calo delle difese immunitarie.

Il calcio

Il fabbisogno di calcio durante la gravidanza è di circa  1000 mg al giorno. Il feto, per costruire il suo scheletro,  accumulerà 30 g di calcio durante questi 9 mesi.

Vitamina A . Attenzione

Anche se la vitamina A è necessaria all’organismo, bisogna stare attenti, durante la gravidanza, a non consumarne in eccesso. Vi è un rischio di sovradosaggio che può provocare malformazioni nel feto. Durante l’intero periodo, non mangiate troppo spesso il fegato, molto ricco di questa vitamina, anche se parallelamente fornisce acido folico.

Iodio

Il fabbisogno in iodio aumenta durante la gravidanza : aumenta da  150 a 200 microgrammi al giorno. Lo iodio è indispensabile per lo sviluppo del cervello del bebè. Una carenza aumenta il rischio che  alla nascita  il peso sia basso e può provocare dei ritardi nello sviluppo intellettuale più o meno importanti.

"Il fabbisogno di iodio aumenta durante la gravidanza a causa di tre meccanismi : la madre deve fornire iodio al feto, gli ormoni della gravidanza stimolano la ghianda tiroidea e provocano un aumento del fabbisogno in iodio, inoltre c’è una perdita di iodio più importante per via urinaria durante la gravidanza "una ipotiroidia materna accresce l’evoluzione di tutte le complicazioni della gravidanza", Pr Dominique Luton.

Sarà fondamentale monitorare con attenzione lo stato della tiroide di ogni donna incinta. In caso di carenza di iodio, sarà necessario intervenire, ad esempio assumendo delle alghe.

Calcio

 Il calcio è generalmente molto importante per il vostro bebè, nella formazione delle ossa e dei denti. Si fissa sulle ossa, associandosi alla  vitamina D e favorisce la costruzione dello scheletro. Normalmente, un’ alimentazione equilibrata è sufficiente a coprire il fabbisogno. Pertanto, non è necessario prendere degli integratori. Nel corso del terzo trimestre, il nascituro «  ne fissa circa  200 mg al giorno !

 Acidi grassi poli insaturi :  Omega 3 e Omega 9

Gli omega 3 hanno un effetto positivo sull’umore e svolgono un ruolo importante per evitare la depressione postnatale.

E’ nel mezzo della terza settimana di sviluppo dell’ovulo fecondato che inizia  la creazione del sistema nervoso del feto. Diverse decine di miliardi di cellulle vengono prodotte in pochi mesi. E gli acidi grassi omega 3 (DHA, chiamato anche acido  "cervonico" !) , 6  e 9  sono indispensabili alla formazione dei neuroni. Contribuiscono anche al trasporto di glucosio nel cervello. Durante i 3 ultimi mesi della gravidanza, il cervello del nascituro cresce da 3 a 5 volte. E il DHA è il principale carburante cerebrale del feto.

Sale e gravidanza

Gli edemi banali della gravidanza (gambe, piedi, dita), sono causati dal contesto ormonale specifico, il quale provoca una vasodilatazione dei vasi sanguigni (meno "contratti" i vasi sanguigni lasciano passare l’acqua che s’infiltra nei tessuti) : un regime senza sale non cambia nulla.

Moderare il consumo di prodotti industriali molto salati, come i salatini e le pietanze elaborate, o alcune acque gassate.

Durante la gravidanza, anche in presenza di ipertensione, non viene eliminato il sale. Perchè ? Perchè anche il sale ha le sue qualità : contribuisce alla trasmissione dell’influsso nervoso, alla contrazione muscolare e all’idratazione dell’organismo.

Magnesio

Il consumo quotidiano consigliato in una donna adulta è di  360 mg. Durante la gravidanza, questo consumo aumenta per fornire al bebè tutto quello di cui ha bisogno per svilupparsi. Anche se la carenza è minima, essa può perturbare il corso della gravidanza. Pertanto, si raccomanda alla futura mamma, di consumare, durante il terzo trimestre, 400 mg di magnesio al giorno, invece dei  360 mg abituali.

PUBBLICITÀ

FOTO kit gravidanza 2° versione

Tutte le vitamine e i minerali contribuiscono al corretto funzionamento del corpo, ma alcuni sono più importanti di altri durante la gravidanza, specialmente le vitamine E, C, D, acido folico (B 9), Omega 3-6 -9 e calcio.

Ma alte dosi, e cure per periodi troppo lunghi, le forme sintetiche sono sconsigliate.

"un po' ma non troppo, NATURALE PRIMA DI TUTTO" Dott. Lagarde.

Pertanto rispettare il dosaggio indicato.

images

I commenti sono chiusi